Fondazione Luigi Micheletti

Centro di ricerca sull'età contemporanea



News

Le ultime notizie sulla vita della Fondazione Luigi Micheletti e sulle iniziative organizzate...

17/03/2016 - Fondazione Luigi Micheletti
L'Arte Antegnata. Storie di organi e organari
Proiezione
Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Giovedì 17 marzo 2016 alle ore 16:00 presso il salone Pietro da Cemmo del Conservatorio di musica "Luca Marenzio", in Piazza A.B. Michelangeli n.1 a Brescia, si terrà la proiezione del documentario di Nicola Lucini "L'Arte Antegnata. Storie di organi e organari". Il video è stato prodotto grazie al sostegno di Fondazione ASM e rientra nell'ambito del progetto "Culture in Movimento", promosso dalla Fondazione Luigi Micheletti e finanziato da Fondazione Cariplo.



Interverranno:

  • Patrizia Vastapane, Presidente del Conservatorio
  • Emilio Del Bono, Sindaco di Brescia
  • Roberto Cammarata, Presidente della Fondazione ASM
  • Aldo Rebecchi, Presidente della Fondazione Luigi Micheletti
  • Massimo Locatelli, Università Cattolica di Brescia
  • Nicola Lucini, regista

Seguirà interludio musicale (strumento organo).



Nel 1481 si indice una pubblica gara. È questa la prima apparizione di Bartolomeo Antegnati (1445c.-post1501) detto Bartholomeus de Lomexanis de Bressia. Inizia così l'avventura della dinastia organara italiana più famosa nel mondo.

Artefici geniali, attivi per due secoli, furono protagonisti nel perfezionamento dell'arte di costruire, riformare, restaurare e suonare organi, ma anche cembali e spinette. Assieme ai liutai bresciani contemporanei, ben 19 figure dedite all'arte, completeranno l'opera di nobilitazione professionale di "artifex instrumentorum musicorum" liberandola dalla definizione di origine medievale di arte "più mecanica che liberale" praticata a volte da gente "molto bassa e quasi mendica". Queste definizioni sono inserite da Costanzo Antegnati nel suo famosissimo trattato intitolato "L'Arte Organica", per risolvere i dubbi del figlio intorno alla "nobiltà et dignità dell'arte," definita orgogliosamente dal padre "l'Arte Antegnata".


Nella città di Brescia sono quattro gli organi Antegnati che ancora rimangono, tutti e quattro funzionanti e ancora in grado di testimoniare la grandezza musicale della nostra città in epoca rinascimentale.

Il film è un percorso storico attraverso la città, i secoli, ma soprattutto "dentro" gli organi.


A guidarci il prof. Flavio Dassenno, uno dei massimi studiosi d'organologia in Italia. Intervengo il M° Bruno Strada, organista ufficiale della Cattedrale del Duomo da 40 anni e il M° PierCarlo Orizio, direttore del Festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo. (Tutti e tre testimonial della campagna di raccolta fondi per il restauro dell'organo del Duomo Vecchio. Di organo in organo, di chiesa in chiesa, il documentario ci consente di riscoprire una Brescia rinascimentale spesso sottovalutata, una Brescia che si impone come una delle capitali musicali ai tempi della Serenissima. Ma non solo. Di grande impatto emotivo i racconti degli organari di oggi, capaci di far comprendere come queste storie, sospese tra arte e spiritualità, siano sedimentate nel nostro sentire quotidiano.


Chiesa di San Carlo, Chiesa di Santa Maria del Carmine, Chiesa di Giovanni, Duomo Vecchio: le quattro tappe del nostro percorso per parlare di musica, organi, uomini e spiritualità attraverso i secoli.


Regia: Nicola Lucini
Soggetto: Nicola Lucini e Flavio Dassenno
Dop: Alberto Petrò
Camera: Matteo Giobini